venerdì 30 maggio 2008

OPI Avoplex olio nutriente unghie


Pro: funziona.

Contro: disponibile solo nelle profumerie Sephora, ha un profumo un po' particolare e si assorbe piuttosto lentamente.

Prezzo: 8 euro

Against Animal Testing

************************************


Questo post è dedicato alla nostra Lisa, che di onico-disavventure recentemente ne ha avute tante. Su col morale Lisa! Ora hai la scusa per prenderti cura delle tue unghie ancora più di prima ;-)

Di recente ho la fissa per gli smalti.

Li cambio a giorni alterni e il tutto ovviamente deve essere coordinato all'abbigliamento, che ve lo dico a fare.
Il lato curioso della disoccupazione è questo: le cose che prima erano impensabili, o semplicemente impossibili a causa del poco tempo a disposizione, diventano all'improvviso parte integrante di una sorta di nuova routine. Ecco allora che il mio dopopranzo è diventato un momento di Nail Spa privatissimo.

Il bello delle tare mentali è che, per quanto vogliate nasconderle, vengono sempre fuori da qualche piccolo trascurabile particolare. Per esempio, la mia nuova fissa per gli smalti, un fenomeno che nella mia vita si è presentato sotto forma di ondate del tutto imprevedibili, ha avuto come risultato una totale prostrazione delle mie unghie, le quali hanno cominciato a sfogliarsi come i libri di un'antica biblioteca.
Di solito il primo a 'mostrare le pagine' è l'indice. Sistematicamente questo dito evidenzia segni di sfinimento ungulare tali da lasciar presupporre che io passi la vita a grattare me stessa o superfici di grana più spessa.
Poi è il medio a collassare; di seguito il pollice, e così via.

Probabilmente questo fenomeno, che è del tutto naturale quando si soffoca la superficie delle unghie, per quanto saturo di pantenolo possa essere lo smalto applicato, è reso più acuto dal fatto che ho passato qualche annetto della mia infanzia a mangiucchiarmi le unghie.

Com'è che l'onicofagia ha fatto la sua entrata nella mia vita?

Attraverso un fumetto.

Il suo protagonista, di fronte ad un particolare momento d'ansia, prendeva a sminuzzare le proprie unghie come fanno in tanti, e io, che non avevo mai preso in considerazione questa ipotesi, la trovai in seguito talmente soddisfacente da farla mia. Dal momento in cui decisi di liberarmi dell'infausta abitudine, avrò avuto sì e no dodici anni, non c'è stato bisogno di nessun tipo di smalto amaro a dovermi distogliere. Mi è bastato acquistare un color bianco perlato che all'epoca andava abbastanza in voga, marca Gemey se non sbaglio, e la visione delle mie manine ordinate fu un ottimo deterrente.

Come spesso capita quando ci si riprende da un vizio, ho cominciato ad adottare da allora particolari cure a salvaguardia delle mie unghie ferite e rinate. Una di queste è l'olio nutriente.

Ad essere sincera, quello a cui ero più affezionata era uno, purtroppo non più in produzione, della Collistar: aveva un profumo di lavanda favoloso, si assorbiva bene e soprattutto era proprio una manna dal cielo.

In assenza di questo, ho dovuto darmi da fare e su di un vecchio Cosmopolitan made in UK ho visto un articolo in cui diversi olii nutrienti per unghie erano messi a confronto.

Il più votato era Avoplex della OPI.

Dal sito http://www.opi.com/ potrete rendervi conto di quanto OPI sia un marchio davvero unico per chi come me ama tutto ciò che riguarda la manicure. La stessa linea Avoplex si compone di diversi prodotti, in un crescendo di perversione cosmetica.
Io mi sono limitata (per ora...) all'olio nutriente e restitutivo che vedete nella foto nei suoi diversi formati. Adesso è disponibile anche in versione gel, per evitare di combinare guai se decidete di aver bisogno di idratare le vostre unghie anche mentre siete in giro per il mondo.

Di primo acchito, l'impressione che ho avuto non è stata esattamente la stessa pubblicizzata da Cosmopolitan, che ne magnificava in particolare la 'fragranza esotica'. Se è effettivamente possibile riconoscere un vago sentore tropicale in Avoplex, d'altro canto devo anche dirvi che secondo me è proprio lontanissimo. Io trovo che abbia un che di medicinale, e non lo gradisco molto. detto questo, si applica in gocce ma vedo che esiste anche una versione con pennellino. Io però da Sephora, unico distributore OPI in Italia, non l'ho mai visto.

Avoplex si stende massaggiandolo sulla superficie dell'unghia e sulle cuticole, nel caso abbiate l'abitudine di spingerle un po' indietro (io non lo faccio mai; dite che dovrei?). Personalmente lo applico la sera per lasciarlo come impacco, e ho notato che effettivamente ha la tendenza ad assorbirsi un po' lentamente, cosa che non lo rende praticissimo nelle applicazioni diurne.

Ho sempre qualche perplessità a consigliarvi prodotti che implicano sonore rotture di scatole serali, però come potete vedere la voglia di disquisire su questo o quell'altro prodotto ha sempre la meglio. Avoplex è un ottimo aiuto per le vostre unghie, se avete l'abitudine di stressarle molto. Non mi sento di dire che sia il migliore che ho provato, ma funziona.

Dimenticavo: costa 8 euro nel formato più piccolo.

Fermo restando che i vostri commenti mi hanno non poco incuriosita in merito alle alternative naturali a questo prodotto, Avoplex funziona. Non posso che consigliarvelo.

10 commenti:

  1. niente..volevo dirti che oggi sono andata da sephora e ho comprato un fondotinta compatto clarins..la nuova crema viso di lancome e un blush di guerlain..

    appena sono uscita mi è venuto in mente questa frase che hai scritto un pò di tempo fa :"Una delle mie perversioni preferite, lo sapete, è comprare un prodotto per la sua confezione."

    CONFERMO MUHAHAHUAHUA

    cmq bellissime recensioni!

    RispondiElimina
  2. ciao, è un po' che ti leggo e devo dire che le tue recensioni sono ottime, sembrano i consigli di un'amica (in questo caso espertissima!)... sono anche io una beauty addicted anche se non sempre il portafoglio lo consente.

    Cmq... avevo anche io il problema delle unghie deboli, e ho provato lo smalto rinforzante della l'oreal, quello trasparente tendente al violetto. A me è piaciuto, mi sento di consigliarlo.

    A presto
    Baci

    RispondiElimina
  3. in una sola parola, anzi tre: GRAZIE GRAZIE GRAZIE.

    RispondiElimina
  4. Cara Anonima, è una perversione bellissima! Ottimo shopping, complimenti ;-)

    RispondiElimina
  5. Cara Federica, grazie del consiglio! Io cambio quasi sempre prodotto una volta terminato quello abituale, quindi prendo nota del rinforzante unghie L'oréal... Torna a trovarmi, mi raccomando: la forza di questo blog sono i vostri commenti! A presto :-)

    RispondiElimina
  6. Lisa cara, ti risponderò con cinque parole: di niente, è il minimo!

    RispondiElimina
  7. Merito bacchettate sulle mani, per quanto poco le curo! Eppure non hanno niente che non va, anzi! Però l'idea di mettere/togliere smalti, spingere in dentro cuticole et similia proprio non mi attira!!!
    L'unica cosa che faccio è limare le unghie ogni paio di settimane (le forbici con la sinistra non riesco proprio a usarle, quindi limo tutto da almeno 10 anni a questa parte!) e mettere un po' di crema la sera prima di andare a letto...

    RispondiElimina
  8. Cara Kalligalenos, sai che io ho proprio fastidio a limare le unghie? Lo so che è il metodo migliore, perchè non le indebolisce ecc. ecc. ma non riesco. Il che spiega molte cose...

    RispondiElimina
  9. A me hanno detto che tagliarle ogni tanto le rinforza, ma proprio non sono capace di farlo...

    RispondiElimina
  10. Io e te abbiamo abilità complementari, cara Kalligalenos! E ci piacciono anche i fratelli complementari...

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails