giovedì 25 novembre 2010

Sanoflore Struccante occhi floreale bio

Pro: non secca il contorno occhi ed è molto delicato....

Contro: pure troppo delicato! Per struccarmi un occhio, devo insistere: con una sola passata di dischetto, il makeup si sparge sulla palpebra, ma ne viene via davvero poco.

Prezzo: circa 9 euro, in farmacia o su Saninforma.it.

INCI: Aqua / Water, Rosa Damascena Flower Water*, Melissa Officinale Water - Melissa Officinale Flower/Leaf/Stem Water*, Centaurea Cyanus Flower Water*, Glycerin, Benzyl Alcohol, Dipotassium Glycyrrhizate, Disodium Cocoyl Glutamate, Xanthan Gum, Potassium Sorbate, Caprylyl/Capryl Glucoside, Dehydroacetic Acid, Sodium Phytate, Sodium Cocoyl Glutamate, Citral, Geraniol, Citronellol, Linalool, Limonene, Lavandula Hybrida Flower Water*, Arginine, Coumarin, Citric Acid, Alcohol B37009/1 * Da agricoltura biologica

*************************************

Quando un prodotto bio mi delude, ci rimango sempre un tantino male, un po' più che se mi venisse meno l'appoggio di un prodotto meno eco-friendly.

Non sono una bio-estremista, però se posso essere utile all'ambiente anche attraverso la mia passione per la cosmesi, mi fa piacere: purtroppo, nel caso di questo Struccante occhi floreale, inviatomi da Sanoflore in test, non posso dire di essere riuscita in questo intento.

Ancorché pieno di erbette (Estratto di Liquirizia, Acqua floreale di Rosa Bio, nonché acque floreali di Melissa e di Camomilla Romana Bio), non funge sulle mie palpebre. Le lascia morbide, ha una consistenza gel/acquosa piacevole e non ha un odore sgradevole, però, almeno nel mio caso, non strucca con efficacia.

Non elimina il trucco, lo sposta: devo sempre usare un dischetto di cotone in più per togliere ombretto e mascara, perché semplicemente mi sparge il makeup un po' sulla fronte, un po' sulle tempie, un po' sul naso. Il giorno dopo, poi, trovo ancora qualche residuo nero nel condotto lacrimale. Decisamente, non il prodotto per me, bio o non bio.

Vorrei approfittare di questa 'delusione' cosmetica per parlarvi di una questione che mi sta a cuore, tra l'altro.

Come avrete notato, recensisco sempre più prodotti inviatimi in test dalle aziende: è una fortuna per me e, sicuramente, provare nuovi prodotti, a volte in anteprima, è una delle parti che preferisco di questa mia blog-avventura.

Per quanto io percepisca il mio privilegio nel ricevere tutto questo ben di Dio in omaggio, però, non dimentico mai la prima motivazione per la quale le aziende mi contattano: una review sul blog.

Fino ad oggi, ho avuto la fortuna di imbattermi in aziende intelligenti che approfittano delle recensioni, soprattutto di quelle negative, per migliorarsi e per andare sempre di più incontro alle necessità delle consumatrici. Mi viene in mente in particolare The Body Shop che, in occasione di un mio post positivo, mi ha scritto dicendomi più o meno: guarda che, se un prodotto non ti è piaciuto, devi sentirti libera di recensirlo negativamente, noi accettiamo sempre i suggerimenti. Stesso dicasi per Miss Broadway.

Sento nei vostri confronti la necessità di dirvi sempre come la penso, al di là del fatto che sono grata alle aziende per ciò che mi inviano. Credo meritiate di sapere esattamente il mio sincero ed onesto giudizio su tutto ciò che transita sulle pagine di questo blog: per fortuna, non essendo depositaria della Verità Assoluta, sento la forza della mia opinione, e non il suo peso.

Sinceramente vostra,

Profumissima ;-)

7 commenti:

  1. Non ho mai nascosto le mie perplessità sui prodotti bio (soprattutto sul loro odore!) quindi provo una vena di sottile compiacimento quando anche altri trovano qualcosa da ridire sui concentrati di erbette.
    Ciò però non toglie che con il contorno occhi di questo marchio io mi sia trovata bene.

    RispondiElimina
  2. mi sento un po' come la signora del Dixan, che non vuole cambiare il suo fustino...io non cambio il mio bifasico di Yves Rocher!

    RispondiElimina
  3. Non resto mai stupita quando sento che un prodotto bio non funziona al massimo della sua possibilità... con me nessun bio ha funzionato, per ora...
    Anche io resto fedele alla linea sensitive di Yves.

    RispondiElimina
  4. Difficile mollare il bifasico di Yves, cara Topins ;-)

    RispondiElimina
  5. Cara Taksya, chissà che un giorno tu non possa diventarmi bio-talebana ;-P

    RispondiElimina
  6. Io fedelissima al bifasico Sephora, non brucia assolutamente!!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails