lunedì 19 marzo 2012

Maybelline Dream Nude Air Foam, il nuovo fondotina in spuma

Pro: riuscendo a lavorarlo bene, assicura una buona copertura e una discreta durata.

Contro: applicazione difficile, ha una texture che sfugge alle dita, sfugge alla spugnetta. Insomma, stenderlo bene è un'impresa, non impossibile, nondimeno difficoltosa.

Prezzo: intorno ai 10 euro, da Acqua & Sapone.

************************************************************************************

L'età mi fa brutti scherzi.

Se chiedete a me, ad esempio, il fondotinta in spuma lo fa (anzi, lo faceva), solo Elizabeth Arden: chi se lo ricorda? Aveva un flacone nero che solo a vederlo mi faceva sentire una gran dama, e un tappo dorato che negli anni '80 era il must dei must, per un prodotto cosmetico che volesse considerarsi serio. Quando lo spruzzavi, un'enorme nuvola beige si gonfiava a vista d'occhio sulla tua mano e, stendendola sul viso, qualsiasi difetto avessi, scompariva. Eh sì: era una spuma, ma la sua leggerezza era solo apparente. Virtualmente, ci si potevano inventare connotati tutti nuovi, con un fondotinta così!

Quando ho visto le prime pubblicità della Maybelline Dream Nude Airfoam, memore dell'esperienza con la spuma Elizabeth Arden, mi ha meravigliato molto constatare che veniva proposta come un prodotto per ragazze. Ora che l'ho testata, da un certo punto di vista, continuo a meravigliarmene.

Si tratta di una mousse spray dalla consistenza un po' vischiosa, abbastanza difficile da stendere con uniformità. Premendo l'erogatore, vien fuori matematicamente una quantità di prodotto troppo abbondante per il mio viso, non importa quanto delicatamente io abbia esercitato pressione sul beccuccio.

Di solito faccio così: agito il flacone, erogo il prodotto su una mano e ne prelevo un poco con le dita. Comincio a stenderlo e si sparge in maniera disomogenea, per cui, in un primo momento, faccio fatica a controllare la coprenza che sto ottenendo. Il tempo di applicarne un po' e, guardando la quantità che avevo erogato sulla mano, vedo che si è già ossidata: ma come??? Applicando il resto sul viso, devo lavorarlo un po' (con le dita o, nei casi estremi, con una spugnetta bagnata).

Il risultato finale non è male: certo non è proprio leggero come vorrebbero proporlo, ma copre abbastanza bene e, nel corso della giornata, si lucida anche poco.

Però è una vera lotta: combattere per stendere uniformemente un fondotinta è una prova di carattere che non mi sento di affrontare ogni giorno, lo ammetto.    

Mi dispiace, perché avevo riposto molte speranze in questo fondotinta: mi piace molto l'idea della spuma e i ricordi che mi suscita sono davvero dolci.

Però, poteva essere il fondotinta più sfizioso della mia vita.

E, purtroppo, non lo è. 


9 commenti:

  1. Ma pensa un pò...a vederlo in pubblicità sembra un gioco da ragazze! peccato questa difficoltà nella stesura, è proprio quello che un fondotinta di questo tipo dovrebbe evitare.

    RispondiElimina
  2. La spuma non mi convince. Sono affezionata ai fluidi che trovo estremamente facili da stendere anche per chi non ha troppo tempo o un'eccessiva manualità.

    RispondiElimina
  3. la spuma da' un'idea di leggerezza, se poi invece è "pesante" da stendere, allora ciao...poi con il tempo che ho la mattina direi impossibile...sto pensando di calarmi in faccia una calza di nylon

    RispondiElimina
  4. Avevo letto di un'altra ragazza che si lamentava dell'enorme quantità di spuma erogata...io vado solo di minerale praticamente!

    RispondiElimina
  5. Cara Dama, in effetti mi perplime molto :-/

    RispondiElimina
  6. Cara Kally, l'idea della spuma mi divertiva, ma se è così collosa, che senso ha?

    RispondiElimina
  7. Ottimo suggerimento, Topins!! :-D

    RispondiElimina
  8. Eh, cara Desert Rose, una volta provato il minerale, è difficile tornare indietro...

    RispondiElimina
  9. ciao per caso hai dato un occhiata all'inci?

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails